banner

My Favourite Things
…these are a few of my favourite things

Scritto da fatina

madeleine al tiglio

la mia stagione preferita
il mio dolce preferito
uno dei miei libri preferiti, nella mia traduzione preferita
il mio servizio da tè preferito
una delle mie melange di tè preferite
la mia radio preferita…che passa ”My Favourite Things”

Mi sono presa un pomeriggio tutto e solo per me, con la scusa di partecipare al concorso di Sigrid de “il cavoletto di bruxelles” – http://www.cavolettodibruxelles.it/2010/06/la-festa-del-cavolo - e sfogliando il ” libro del cavolo” in cerca di una ricetta da reinterpretare mi sono resa conto che l’unica delizia che desideravo veramente sfornare erano le madeleine. Così mi sono ritrovata a passare uno splendido pomeriggio in compagnia di alcune delle mie cose preferite (chacun sa madeleine:)

Innanzitutto la fine della primavera e l’inizio dell’estate è la mia stagione preferita (a parimerito devo dire con la fioritura dei topinambùr all’inizio dell’autunno) in cui finalmente spunta il sole e sbocciano le lentiggini e sopratutto fioriscono i tigli, di cui la città in cui vivo è piena, e siccome è anche la città in cui ho studiato, il loro profumo intenso nei miei ricordi richiama immediatamente le immagini e le senzazioni della fine della scuola:) Fortunatamente però questa è anche una stagione in cui si può sperare ancora in quelche temporale (come oggi) e allora vien voglia di accendere il forno e pensare ad un tè (solo per sè).

E le madeleine sono il mio dolce preferito, che mia madre da bambina mi faceva trovare per colazione il giorno del mio compleanno, qui in una reinterpretazione stagionale e letteraria, dal momento che l’aroma di tiglio appartiene alla mia stagione preferita ma anche ad uno dei miei libri preferiti che amo rileggere ogni tanto, sopratutto nelle sue prime parti, nella mia traduzione preferita, quella del poeta Giovanni Raboni, profondo e fine conoscitore di Proust e della Recherche che ci ha dato una meravigliosa traduzione della stessa.

Quindi il pomeriggio della mia stagione preferita prevede: il mio dolce prefeito, la rilettura delle prime pagine di uno dei miei libri preferiti, il tutto in compagnia di una tazza di tè (ça va sans dire:) di una delle mie melange preferite e che rimanda immediatamente a Parigi e con la sua dolcezza ben si accompagna al tiglio, Angelina Rumpelmayer, versato nel mio servizio da tè preferito disegnato da W.Gropius, la perfezione e l’espressione del manifesto del bauhaus nella porcellana.

Il tutto in compagnia della mia radio preferita – radio3 di cui sono assolutamente dipendente – che passa in sottofondo “My Favourite Things”…

ps: manie da architetto, filologicamente le madeleine stanno in una ciotola cinese di fine XVIII sec. perchè pensando a Proust non riesco a non pensare alle pagine in cui descrive con meraviglia i crisantemi a simbolo dell’oriente e immaginando Angelina a Parigi, appare al tavolo 11 la figura di Madame Coco che aveva un amore particolare per l’arte orientale;)

Le “mie” MADELEINE AU MIEL ET FLEUR DE TILLEUL: la ricetta è quella del “libro del cavolo” io non ho messo lo sciroppo di rosa ma dei fiori di tiglio pestati e setacciati, il miele era un millefiori molto profumato che tendeva al castagno e, è una piccolezza ma inverto l’ordine degli ingredienti e il burro fuso lo aggiungo per ultimo.

myfavouritethings

4 commenti a “My Favourite Things
…these are a few of my favourite things”

  1. come ti invidio….sei il manifesto della serenità…

  2. che bella canzone!! e che belle madeleine!!

  3. la fatinaincucina è mia Zia!

  4. Cara Fatina,
    sono finalmente in vacanza e finalmente trovo il tempo per dare una sbirciata al blog… ti scrivo da una terrazza sospesa tra una buganville e il mare, e sono sopraffatta dalla bellezza delle immagini, rapita dalle parole…mi sembra di sentire il profumo delle madleine, vorrei avere qui una tazza © Bauhaus fumante di tè delizioso, e mi hai fatto venire la voglia di riaprire Proust…

    La tua è una vocazione, il “pissico di sale” datato 1986 lo dimostra. Complimenti e buon lavoro!

Inserisci un commento